Il pianista invisibile
Vita e opere di Umberto Cesāri (1920-1992)
a cura di Stefano Zenni.



La copertina del libro Questo volume-Cd č la prima pubblicazione dedicata a uno dei pių grandi jazzisti europei e uno dei pių grandi artisti nati a Chieti. Esso č il risultato della collaborazione tra la SIdMA e la Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti, che ne ha consentito la pubblicazione. Romano di adozione, Cesāri emerse nel dopoguerra come musicista di immenso talento, ma un trauma bellico (una fucilazione simulata) lo spinse dall'inizio degli anni Sessanta a ritirarsi in casa, da cui praticamente non uscė mai. Il suo esilio volontario non lo allontanō dall'arte: anzi, egli continuō a suonare e registrare copiosamente, a dipingere, a scrivere poesie, a riflettere attraverso scritti e saggi.

La ricerca č stata condotta da Vincenzo Caporaletti, Marcello Piras e Stefano Zenni. Se la manciata di incisioni note aveva permesso di valutare Cesāri come un pianista eccentrico e geniale, l'accesso agli archivi generosamente messi a disposizione dalla famiglia ha rivelato un artista di statura gigantesca, visionario e irriducibile a precise categorie stilistiche, che costringe a ripensare gerarchie e valori della storia del jazz europeo.

Il libro consta di cinque sezioni:

Il pianista invisibile, un saggio biografico-critico di Stefano Zenni, che fa piena luce sulla vicenda umana e artistica di Cesāri grazie all'accesso a fonti e testimonianze primarie: in particolare vengono chiariti i legami con la storia e la cultura di Chieti, l'evoluzione della carriera, le ragioni del misterioso ritiro, gli aspetti meno noti della personalitā artistica.

- Un saggio musicologico di Vincenzo Caporaletti che, attraverso l'analisi della prima registrazione nota di Cesāri, Begin the Beguine, ne scevera gli originali tratti stilistici.

- Una Sonografia dell'artista a cura di Marcello Piras, la pių completa mai pubblicata, in cui per la prima volta vengono elencate decine di incisioni e registrazioni fino ad ora sconosciute, con la corretta cronologia. Un vero catalogo delle opere che svela l'ampiezza e la varietā, finora rimaste sconosiute, dell'arte di Cesāri.

- La ristampa in facsimile di tutti gli articoli e recensioni riguardanti Cesāri pubblicati da Musica Jazz ordinati cronologicamente.

- Una selezione di scritti privati finora inediti, comprendenti riflessioni critiche sulla musica in generale e sul jazz in particolare, memorie autobiografiche, componimentio poetici.
Completano il volume numerose fotografie inedite, pubbliche e private, e una scelta delle sue opere pittoriche.

I 2 Cd inclusi nel volume costituiscono l'indispensabile complemento al volume. Essi comprendono la ristampa delle incisioni ufficiali arricchite di importanti inediti, materiale di estrena raritā mai apparso in Cd, e una scelta delle registrazioni private provienienti dal fondo di famiglia, rese pubbliche per la prima volta.
Dal complesso di questa musica si afferma una personalitā artistica di livello assoluto: grazie a questo volume della SIdMA si riscopre un gigante della cultura musicale europea.

Il volume non č in vendita e viene regalato ai soci SIdMA. Gli addetti ai lavori possono farne richiesta a
info@fondazionecaricheti.it
Per ulteriori informazioni:
info@sidma.it

 

 

Contenuto Cd 1

 

 

01

Begin the Beguine (Cole Porter) 

Trio: Umberto Cesāri pf. Carlo Pes chel. Carlo Loffredo cb.

Roma, Cinecittā, 8 marzo 1950.

3’02”
02Yesterdays (Jerome Kern, Otto Harbach)2’50”
03I Only Have Eyes for You (Harry Warren, Al Dubin)3’12”
04I’ll See You in My Dreams (Isham Jones, Gus Kahn)3’00”
05You Go to My Head (Fred Coots, Haven Gillespie)3’10”
06Flamingo (Ted Grouya, Ed Anderson)2’45”
07

I May Be Wrong (Harry Ruskin, Henry Sullivan)        

Aurelio Ciarallo Quartet: Aurelio Ciarallo cl. 

Umberto Cesāri pf.

Tonino Ferrelli cb. Gilberto Cuppini bt.

Milano, studi Columbia, 10 settembre 1954

2’39”
08

Sister Kate (Armand J. Piron) 2’49”

Roman New Orleans Jazz Band: Giovanni Borghi tr-arr. Marcello Rosa tbn.

Marcello Riccio cl. Ivan Vandor ten. Umberto Cesāri pf. Pino Liberati cb.

Peppino D'Intino bt.

Roma, studi Rca, 19 novembre 1958.

2’49”
09

The Lady Is a Tramp (Richard Rodgers, Lorenz Hart)

Roman New Orleans Jazz Band: Giovanni Borghi tr. Marcello Rosa tbn.

Marcello Riccio cl. Ivan Vandor ten. Sergio Battistelli vib. Umberto Cesāri pf-arr.

Pino Liberati cb. Peppino D'Intino bt. Jimmy Fontana v.

Roma, studi Rca, 23 febbraio 1959.

2’48”
10

Moonglow (Will Hudson, Eddie De Lange, Irving Mills)

Roman New Orleans Jazz Band: Giovanni Borghi tr. Marcello Rosa tbn.

Marcello Riccio cl. Ivan Vandor ten-arr. Sergio Battistelli vib. Umberto Cesāri pf.

Pino Liberati cb. Peppino D'Intino bt.

Roma, studi Rca, 23 febbraio 1959.

3’34”
11Between the Devil and the Deep Blue Sea (Harold Arlen, Ted Koehler)3’57”
12

Just One of Those Things (Cole Porter)

Marcello Riccio Swing Quintet: Marcello Riccio cl. Sergio Battistelli vib.

Umberto Cesāri pf. Pino Liberati cb. Peppino D'Intino bt.

Roma, studi Rca, 26 gennaio 1959.

3’18”
13I Got Rhythm (George Gershwin, Ira Gershwin)2’48”
14There’s a Small Hotel  (Richard Rodgers, Lorenz Hart)2’49”
15

Love Is Just Around the Corner (Lewis Gensler, Leo Robin)

Marcello Riccio Swing Quintet: Marcello Riccio cl-arr. Sergio Battistelli vib.

Umberto Cesāri pf-arr. Pino Liberati cb. Peppino D'Intino bt.

Jimmy Fontana v. nel secondo brano.

Roma, studi Rca, 23 febbraio 1959.

3’05”
16Bambina dall’abito blu ­(Gino Redi, Nisa), matrice 13’33”
17Bambina dall’abito blu (Gino Redi, Nisa), matrice 43’59”
18Pino solitario (Virgilio Panzuti, Danpa), matrice 14’26”
19

Pino solitario (Virgilio Panzuti, Danpa), matrice 2

Umberto Cesāri Trio: Umberto Cesāri pf. Sergio Biseo cb. Roberto Podio bt.

Roma, studi Rca, 24 ottobre 1960.

3’04”
20Bambina innamorata (Giovanni D'Anzi, Alfredo Bracchi), matrice 42’50”
21Bambina innamorata (Giovanni D'Anzi, Alfredo Bracchi), matrice 52’48”
22Baciami piccina (Luigi Astore, Riccardo Morbelli), matrice 142’29”
23

Baciami piccina (Luigi Astore, Riccardo Morbelli), matrice 25

Umberto Cesāri Trio: Umberto Cesāri pf. Sergio Biseo cb. Roberto Podio bt.

Roma, studi Rca, ca. 31 ottobre 1960.

2’27”

 

 

Contenuto Cd 2

 

 

01

Pastel (Erroll Garner)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1964-67.

5’02”
02

Yesterdays (Jerome Kern, Otto Harbach)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1967-68.

3’15”
03

Spinetta 3 (Cesāri)

Umberto Cesāri pf accelerato.

Roma, casa Cesāri, ca. 1964-65.

0’55”
04

Capriccio n. 4 sopra It’s All Right with Me (Cesāri)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1968-91.

16’20”
05

The Cascades (Scott Joplin)

Umberto Cesāri e Pasquale Francesco Brancati pf.

Roma, casa Cesāri, giugno-luglio 1975.

4’42”
06

Stornellata romana (Cesāri)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1978.

5’15”
07

I Know That You Know (Vincent Youmans, Otto Harbach, Anne Caldwell)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1968-91.

3’51”
08

Tenderly (Walter Gross, Jack Lawrence)

Umberto Cesāri 2 pf sovrapposti.

Roma, casa Cesāri, ca. 1975-91.

10’34”
09

Pezzo in mi bemolle maggiore (Cesāri)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1968-91.

2’47”

Adolf und Eva (Cesāri):
10I. Ouverture1’38”
11II. Solitudine1’35”
12

III. Marcia nuziale

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, settembre-ottobre 1979.

1’30”
13

Astronomica n. 5 (Cesāri)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1975-82.

8’22”
14

Tu scendi dalle stelle (Alfonso Maria de' Liguori)

Umberto Cesāri pf.

Roma, casa Cesāri, ca. 1986.

5’40”


 

Intervista ai protagonisti


Stefano Zenni Leonardo Cesāri Una presentazione di un libro, si sa, č un evento che spesso corre il rischio di essere noioso, autocelebrativo, solennemente ampolloso; questa volta ci č andata bene: la concezione stessa del libro, la figura cosė anticonvenzionale e inavvicinabile di Umberto Cesāri hanno in un certo senso segnato agli ideatori della serata la strada da seguire per ottenere un piacevole risultato.
L'ascolto di brani registrati da Umberto Cesāri, contenuti nei cd allegati al libro, la presenza di musicisti della qualitā di Fabrizio De Rossi Re, Leonardo Cesāri e Enrico Pieranunzi, le parole di Stefano Zenni e le testimonianze dei musicisti riguardo l'incontro, Pieranunzi, e la lezione e la vicinanza, il figlio Leonardo e De Rossi Re, tutto questo legato in una rapida successione, con interventi brevi, senso della misura e, su tutto, le splendide esecuzioni, sia dei musicisti presenti che degli ascolti delle tracce registrate, hanno reso efficace e interessante quello che avrebbe potuto essere un appuntamento dovuto, un passaggio obbligato.
Si diceva delle esecuzioni: come si potrā ascoltare anche dall'intervista che troverete in questa pagina, le esibizioni dei musicisti sono state incentrate per lo pių sull'esecuzione di standard, suonati seguendo la falsariga delle registrazioni di Umberto Cesāri:
vale a dire ponendo l'accento sulla personalitā del musicista, smembrando, sconvolgendo temi e melodie, in un continuo lasciare e richiamare le suggestioni provocate dal brano stesso: in un certo senso l'essenza stessa del jazz inteso come musica nella quale interpretazione e improvvisazione hanno un ruolo prevalente su una lettura attenta e vincolata alla partitura.

Domande 1-2-3

Domande 4÷8


SIdMA / Fabio Ciminiera - Jazz Convention year 2003