La Cantiga de la Serena - La Serena PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabio Ciminiera   
Giovedì 24 Novembre 2016 00:00


La Cantiga de la Serena - La Serena

Workin' Label - Workin' Label 18 - 2016

Fabrizio Piepoli: voce, santur, shruti box, tar
Giorgia Santoro: flauto, flauto basso, piccolo, bansuri, voce, nacchere, piatti
Adolfo La Volpe: oud, cittern, saz, indian harmonium


Un filo profondo lega i canti presenti in questo lavoro di Fabrizio Piepoli, Giorgia Santoro e Adolfo La Volpe. Un filo che prende le mosse dalla diaspora degli ebrei dalla Spagna e risale indietro fin nelle corti del Medioevo e che dipana per tutto il Mediterraneo il suo tessuto di melodie e ritmi, di timbri e colori, di racconti e tradizioni.
Il trio si è formato nel 2008 ma arriva solo quest'anno al primo disco. E nel repertorio proposto all'interno del lavoro troviamo canzoni provenzali, cantigas della tradizione sefardita, danze macedoni, canti di devozione: un mondo ricreato in maniera sobria dalle linee estremamente nette tracciate dalle voci e dagli strumenti. Il percorso compiuto dai tre musicisti racconta una storia lunga secoli, dove si ritrovano popoli continuamente in guerra tra loro, dove si attraversano terre e mari: una storia costellata di scambi culturali e di infinite influenze reciproche. Una storia antica e, per certi versi, lontana, una storia sempre attuale perché vissuta sul filo degli elementi ancestrali presenti nel canto e nelle vicende di ogni popolo.
Nove brani per un totale poco superiore ai quarantadue minuti complessivi: anche in questo particolare aspetto, il trio misura con cura il suo passo ed evita ogni inutile orpello. La Serena è un lavoro condotto secondo un atteggiamento asciutto e, per questo motivo, riesce a trovare una dimensione calzante con le sue premesse.
Solenne e trascinante, austero, mistico, languido a seconda dei brani. Il trio si muove in un equilibrio molto riuscito tra l'intenzione di ricreare le atmosfere e le ambientazioni sonore e la necessità di affabulare ed esporre le emozioni, i sentimenti, le motivazioni dei singoli momenti. Si percepisce come il lavoro lungo e stabile abbia portato il trio a cesellare ogni singolo particolare e, in qualche modo, abbia permesso di interiorizzare e far propria ogni espressione e conferire, in ultima analisi, un senso di realtà e coerenza alla voce complessiva della formazione.

Segui Fabio Ciminiera su Twitter: @fabiociminiera
 
Banner
Banner
Banner