Maria Merlino - Alos PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Del Noce   
Mercoledì 08 Marzo 2017 00:00


Maria Merlino - Alos

Rudi Records - RRJ1033 - 2017

Maria Merlino: sassofono, conchiglie, noci
Giancarlo Mazzù: chitarra, batteria
Domenico Mazza: basso elettrico


Patchwork umorale e coloristico che incorpora e aggrega (entro una corrente di non minima freschezza) il dettato di più espressioni dello spirito avant-garde, Alos è dichiaratamente debitore dell'opus di Anthony Braxton, esplicito dedicatario del lavoro; e così come alle speculazioni (e alla personalità) di questi non è mai stata del tutto estranea una certa componente ludica, l'incisione si muove in effetti entro una dimensione ampia e non vincolata al rigorismo della ricerca.
Un rumorismo arioso, una corrente ritmica atipica ma che non di rado assume strutturazione e swing, le propulsioni delle elettroniche, l'ancia duttile, le guizzanti ed ipercinetiche corde elettriche, la profonda corrente bassa configurano un soundscape in movimento che perviene all'obiettivo di un'improvvisazione figurativa a collettivo indipendente.
Evidente la preparazione del tessuto d'insieme (secondo una "notazione personale" dell'Autrice), pure questo si dipana entro ampi margini d'indeterminazione: piuttosto personale l'occasionale selezione di motivi e materiali, dalle noci precocemente arruolate a giocattolo sonoro a blande tracce di nenie e motivi infantili, che incrociano più forti segni d'avanguardia elettroacustica, dal free altalenante tra prime e contemporanee generazioni agli incursori del post-prog usi agli idiomi jazz.
Una corrente autoriale da approfondire, che in questa prova soddisfa almeno nella partecipazione contributiva al panorama più vitale del suono da esplorazione.
 
Banner
Banner
Banner
Banner