Eclipse: l'incontro tra luce e ombra nella musica di Chiara Civello PDF Stampa E-mail
Scritto da Nicola Barin   
Martedì 18 Aprile 2017 00:00


Foto: la copertina del disco



Eclipse: l'incontro tra luce e ombra nella musica di Chiara Civello


Jazz Convention: Partiamo dal titolo Eclipse: è forse un riferimento al film omonimo del regista Michelangelo Antonioni visto che nell'album ci sono diverse cover ispirate al cinema?
Chiara Civello: Si, il titolo Eclipse da' il senso di tutto l'album, sia per il riferimento spassionato ad Antonioni che per l'eclissi nel suo significato letterale: un incontro tra luce e ombra che compongono il nostro essere, la nostra vita, il nostro film.

JC: Come è avvenuto l'incontro con Marc Collin dei Nouvelle Vague?
CC: Ho incontrato Marc a Parigi nell'estate del 2015 quando ho aperto il concerto di Caetano Veloso e Gilberto Gil al Grand Palais. Avevo chiesto il suo numero ad amici in comune e siamo andati a pranzo insieme.

JC: L'album possiede un mood disteso e divertito, sembra giocare, oltre che con le sonorità brasiliane, anche con un sound che si rifà agli anni 70. Come mai questa scelta?
CC: Dopo aver ascoltato insieme tanta musica ed alcune delle canzoni che avevo scritto Marc ha detto una frase che mi è rimasta impressa, ovvero che il bello della musica moderna è che si possono fare delle scelte imprevedibili e proprio da quegli accostamenti nascono cose nuove e inaspettate. Da lì nasce l'idea di unire, al sound degli organi elettrici anni 70, beat più plastici, batterie elettroniche, basso synth, musicisti d'eccezione e tanto divertissement!

JC: Le cover presenti nell'album sono brani ripresi dalle colonne sonore di grandi pellicole cinematografiche, si ha l'impressione di una splendida contaminazione dei sensi: è un album che si ascolta con gli occhi e si osserva con le orecchie, sei d'accordo?
CC: Decisamente si...

JC: Tra le varie tracce scelte c'è anche "Parole, parole" di Mina; qual è stato l'approccio interpretativo per rileggere questo grande classico? Hai avuto timore?
CC: No... e di che? Mina è Mina ed è una Dea. Chiara è Chiara ed è terrena. È una canzone del grande Gianni Ferrio e anche un ponte tra l'Italia e la Francia, ricordiamoci la versione di Dalida con Alain Delon.

JC: Quali sono le grandi voci della storia del jazz che hanno influito sulla tua formazione musicale?
CC: Nat King Cole, Julie London, Peggy Lee, Shirley Horn, Nina Simone, Etta James, Dina Washington, Carmen Mc Rae, Jimmy Scott...fermami tu!

JC: Per lavorare ai brani originali ti sei circondata di vari amici e musicisti che hanno contribuito alla stesura di alcune tracce, da Cristina Donà a Francesco Bianconi, ci parli di come è stato lavorare con loro?
CC: È stato bellissimo. Con ognuno un incontro diverso. Con Cristina ancora non ci siamo mai incontrate di persona e abbiamo scritto la mia prima canzone epistolare. Bianconi è velluto, Diego Mancino è bohémien, Antonio Di Martino è primavera, Diana Tejera è la fuerza, Pedro Sà è Mercurio e Roubinho Jacobina un rubino.

JC: Quali sono le grandi voci della storia del jazz che hanno influito sulla tua formazione musicale?
CC: Nat King Cole, Julie London, Peggy Lee, Shirley Horn, Nina Simone, Etta James, Dina Washington, Carmen McRae, Jimmy Scott...fermami tu!

JC: Quando ti sei avvicinata alla musica jazz?
CC: Molto presto, per caso. Mio padre aveva un'enciclopedia del jazz e mi incuriosivano tanto le immagini. Da lì la prima infatuazione.

JC: Come reputi il panorama jazzistico italiano attuale?
CC: Ci sono dei musicisti eccezionali ma mi piacerebbe assistere a più avventure, collaborazioni, miscugli. Ho come la sensazione che ognuno pensi solo a portare avanti il proprio piccolo mondo.

Segui Nicola Barin su Twitter: @ImpulseJazz
 
Banner
Banner
Banner
Banner