Oddarrang - Agartha PDF Stampa E-mail
Scritto da Flavio Caprera   
Domenica 25 Giugno 2017 00:00


Oddarrang - Agartha

Edition Records - EDN1079 - 2016

Ilmari Pohjola: trombone, synthesizer, voce
Lasse Sakara: chitarre, voce
Osmo Ikonen: violoncello, synthesizer, voce
Lasse Lindgren: basso, synthesizers, voce
Olavi Louhivuori: batteria, synthesizer, voce


Agartha si apre con un crescendo di organo che sotto il nome di Aletheia vuole essere una sorta di liturgia a metà strada tra la mitologia nordica e il laicismo elettronico ed asettico dei finnici. Comincia così il quarto disco degli Oddarrang, quintetto finnico dalla inusuale formazione composta da violoncello, trombone, chitarra, batteria e basso elettrico. In aggiunta le voci e i sinth. Il leader del gruppo è il batterista Olavi Louhivuori, personaggio dalle ampie vedute che miscela con notevoli risultati la musica elettronica con il jazz, l'ambient, la musica contemporanea, il rock e il prog. Il suono che ne deriva è ampio, orchestrale, che si dipana su filamenti e tracciati elettronici. Il battito hip hop della batteria riallaccia la sacralità gotica al sound di strada. Gli Oddarrang riescono a rappresentare, nello stesso tempo, l'oscurità e la luce della loro terra, raccontano l'epica del viaggio (Admiral Byrd's Flight), attraverso momenti che rasentano il freddo lirismo dei ghiacci (Mass I-II), o il sommesso mutismo di cattedrali che spuntano dal nulla imbiancato. Il loro sguardo sul mondo è come quello di un aquila che vola rasente la terra ad altissima velocità: fotogrammi che si inseguono e susseguono. Agartha gira per 39 minuti, forse il tempo necessario per essere parte della loro ritualità, condividere una funzione laica dove il pulpito è fatto di luce irradiata da una band singolare e affascinante.

Segui Flavio Caprera su Twitter: @flaviocaprera
 
Banner
Banner
Banner
Banner