Helga Plankensteiner Quintet - Frida! PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Dicembre 2009 00:00


Helga Plankensteiner Quintet - Frida!

Splasc(h) Records - CDH 2522.2 - 2008

Helga Plankensteiner: sax contralto e baritono, voce
Achille Succi: sax contralto, clarinetto basso
Michael Lösch: organo Hammond, pianoforte
Enrico Merlin: chitarra, live electronics, samples
Stefano Bertoli: batteria




Frida! è il personale omaggio musicale che la sassofonista tirolese Helga Plankensteiner ha voluto rendere all'artista messicana con questo interessante album uscito nel 2008 per la Splasc(h) Records. Il quintetto protagonista è completato dai sassofoni di Achille Succi, il piano e l'organo di Micheal Lösch, la chitarra e l'elettronica di Enrico Merlin e la batteria di Stefano Bertoli in un ensemble ben amalgamato che riesce a dare fin da subito un'impronta precisa agli otto brani originali che compongono l'album. La musica si poggia sull'asse formato dall'Hammond e gli interventi elettrici di Merlin, bravo e misurato anche nell'uso sapiente di samples e live electronics, che imprimono un carattere proprio e moderno. La Plankensteiner e Succi giocano già dal brano d'apertura, 1000 Lait, a rincorrersi a vicenda sovrapponendosi spesso e creando un'atmosfera frizzante fatta di botta e risposta in un dialogo continuo. L'interplay sarà in realtà il filo conduttore di tutto l'album in cui si fanno comunque apprezzare anche i vari momenti solistici: bravi i due fiati, suggestivi e complementari nei duetti baritono e clarinetto basso, ma è tutto l'insieme a muoversi bene in un contesto in cui convergono un'alternanza di influenze. Il disco non fatica a rimanere piacevole per tutto l'intero ascolto senza alti né bassi e dove non mancano delle trovate interessanti come la personale rivisitazione della celeberrima Moritat, la più intima Impending Answers On Naked Souls a firma di Merlin o i vari momenti di rottura all'interno dei brani che danno a Frida! un tocco di originalità e ironia che certamente non guasta.
 
Banner
Banner
Banner