Dario Carnovale Lift Him Up Group featuring Fabrizio Bosso - Live At Fazioli Concert Hall PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabio Ciminiera   
Giovedì 31 Agosto 2017 00:00


Dario Carnovale Lift Him Up Group featuring Fabrizio Bosso - Live At Fazioli Concert Hall

Azzurra Music - TRI1205 - 2014

Dario Carnovale: piano
Fabrizio Bosso: tromba
Simone Serafini: contrabbasso
Luca Colussi: batteria


Un quartetto solido, piano trio più solista, alle prese con un repertorio altrettanto consistente. Tre standard tra i più eseguiti e tra i più amati dal pubblico come What is thing called love, The nearness of you e Someday my prince will come, tre brani composti da Carnovale e Mapa, a firma di Fabrizio Bosso, e la traccia conclusiva, Untitled, una ballata dai toni delicati.
Carnovale e Bosso si trovano perfettamente a proprio agio sul materiale scelto e lo sfruttano come punto di partenza per un dialogo serrato che coinvolge tutto il quartetto: il rispetto dei ruoli affidati normalmente ai vari strumenti non riduce la validità e l'importanza del contributo offerto da ciascuno dei protagonisti al disco. E, allo stesso modo, la dimensione mainstream del discorso complessivo non spoglia di personalità l'interpretazione proposta ai temi e agli assolo. Vigore e intensità, partecipazione, lirismo e ascolto reciproco sono le armi che guidano i quattro musicisti nel corso del concerto e permettono loro di muoversi con grande agilità sia nella dimensione più morbida di The nearness of you o Mapa che nella scattante versione di What is thing called love.
Il dialogo a due che si snoda attraverso Someday my prince will come rende evidente la disposizione di Bosso e Canovale ad utilizzare tutte le sfaccettature del tema per restituire la propria voce attraverso il brano, evocando echi provenienti dalle diverse stagioni del jazz, lasciando libero il virtuosismo e facendo affiorare gli spunti più lirici. E se il duo mette in luce con maggiore evidenza certe dinamiche, naturalmente lo stesso atteggiamento viene condiviso da Serafini e Colussi con il risultato di dare corpo ad un disco di buona fattura.


Segui Fabio Ciminiera su Twitter: @fabiociminiera
 
Banner
Banner
Banner
Banner