Stein Urheim - Utopian Tales PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Del Noce   
Lunedì 04 Settembre 2017 00:00


Stein Urheim - Utopian Tales

Hubro Music - Hubro CD 2585 / LP 3585 - 2017

Cosmolodic Orchestra:
Stein Urheim: chitarre, voce, tanbur turco, tamboura, basso, sampler, collages, elettroniche
Per Jørgensen: tromba, voce
Kjetil Møster: sassofoni, clarinetto, elettroniche
Ole Morten Vågan: contrabbasso
Kåre Opheim: batteria, percussioni
Mari Kvien Brunvoll: voce, sampler, elettroniche
Jørgen Træen: modular synth, effetti


Con non poco spirito di provocazione l'album è aperto da fresca musicalità, nonchalante e di clima vacanziero, sarà per le setose fluenze chitarristiche (espresse sia in acustico che in elettrico) del titolare, con vaghi sentori d'Oriente e meno vaghe risonanze West Coast, ma le carte in tavola si rimescolano rapidamente, con repentina mutazione di scenario: i "racconti utopici" di Stein Urheim e sodali s'articolano forti non tanto del ventaglio strumentale quanto del mélange di personalità qui riunite, che con segni non sempre immediati dispensano un patchwork visionario improntato all'agile alternanza stilistica.
Tra gli ingredienti di base di una così originale progettualità, oltre ai determinanti interventi di mixaggio vi è in termini di performance un poco scontato approccio in chiave di micro-tonalità, che accorcia le distanze dell'Occidente con le controparti del Levante e del Sud del mondo (e che più volte s'è notata quale chiave esplorativa delle più giovani formazioni "avant"), comportando ancor meno scontate implicazioni sulle ricadute d'ordine esistenziale e sociale di tale apertura immaginativa, che non lascerà freddi estimatori di free, Ambient e (una certa) World music, così come potrà metter d'accordo aficionados della psichedelia ed esigenti cultori dell'Avanguardia storica.
La coralità multi-idiomatica dell'ineffabile (quanto agguerrita) Cosmolodic Orchestra suona del tutto coerente con il variegato parterre e lo spirito di sorpresa abilmente mantenuto dal nuovo catalogo Hubro, in cui non abdica lo spirito "avant" e l'autonomia "indie", insufflando primariamente forte vitalità ad un'ampia corrente neo-pop che, in apparenza senza soverchi pudori, alita su un plasma fecondo che impronta con modalità via via più dilaganti le morfologie creative di questo fine decennio.
 
Banner
Banner
Banner
Banner