Lorenzo Tucci Sparkle Trio @ Jazzu 2018 PDF Stampa E-mail
Scritto da Marco Buttafuoco   
Domenica 21 Gennaio 2018 00:00


Foto: Archivio Fabio Ciminiera



Lorenzo Tucci Sparkle Trio @ Jazzu 2018
Parma, Circolo Arci Zerbini - 10.1.2018

Lorenzo Tucci: batteria
Luca Mannutza: pianoforte
Daniele Sorrentino: contrabbasso

In un panorama culturale quasi intriso di pessimismo, forse di rassegnazione, l'apertura di una stagione jazzistica indipendente e non finanziata dalla mano pubblica è un'ottima notizia.
L'impresa dell'Arci Zerbini, con la collaborazione di musicisti locali, è cominciata il 10 gennaio in un vecchio palazzo dell'Oltretorrente. Prevedere concerti settimanali da gennaio a maggio è una sfida davvero impegnativa. La partenza è stata incoraggiante con un pubblico numeroso e soddisfatto, sia dalla music ascoltata sia dalla qualità del locale.
La formula dello Zerbini prevede una cena servita durante l'esibizione dei musicisti. La buona organizzazione e la professionalità degli addetti ha fatto sì che il servizio ai tavoli non interferisse troppo con l'ascolto. In sala c'era una buona atmosfera, da jazz club di livello. Musica e cibo si fondevano bene, creando un ambiente rilassato e piacevole.
Il dato davvero positivo è stato l'interesse del pubblico che ha ascoltato con molta attenzione, senza chiacchiericci e rumori di fondo
In questo è stato ovviamente importante il lavoro dei tre musicisti sul palco. Tucci, Mannutza e Sorrentino hanno catturato la sala, dall'inizio alla fine del set, con un jazz teso e coinvolgente e un repertorio basato prevalentemente su brani del batterista.
La cifra del gruppo è quella di una grande, coinvolgente ricchezza ritmica. Tucci è stato indubbiamente il protagonista e il trascinatore della serata, con il suo drumming impetuoso che, talora, sembrava perfino comprimere un po' il ruolo degli alti due pur bravissimi musicisti.
Alla fine, tuttavia, il pubblico ha molto, e giustamente, apprezzato e sono scrosciati gli applausi per questo trio roccioso e affidabile.
Un buon esordio, quindi, per la nuova rassegna. Il jazz sembra aver trovato a Parma, una strada per allargare la sua nicchia e rivolgersi a un pubblico più vasto.

Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner