Maria Pia De Vito & Burnoguala Large Vocal Ensemble - Moresche e altre invenzioni PDF Stampa E-mail
Scritto da Sergio Spada   
Venerdì 01 Giugno 2018 00:00


Maria Pia De Vito & Burnoguala Large Vocal Ensemble - Moresche e altre invenzioni

Parco Della Musica Records - 2018

Maria Pia De Vito: voce
Lorenzo Apicella: piano
Dario Piccioni: contrabbasso
Arnaldo Vacca: percussioni
Ousmane Coulibaly: kora, balano
Giuseppe Spedino Moffa: cornamusa
Alessandro D'Alessandro: fisarmonica
Rita Marcotulli: pianoforte
Ralph Towner: chitarra
Massimo Carrano: percussioni
Burnogualà Large Vocal Ensemble>


Ormai da tempo nel novero degli artisti italiani di maggiore rilevanza nel mondo del jazz e ben oltre i confini italiani, forte di una competenza e di una passione quasi filologiche, in possesso di una magia del canto e della vocalità nelle sue espressioni più disparate e meritoriamente in costante esplorazione nei meandri più reconditi della musica e della voce, Maria Pia De Vito approda ad un progetto che sembra averla gratificata e continuare a motivarla in maniera davvero piena. Oltre che questo bel lavoro registrato per l'Auditorium di Roma lo testimoniano i concerti tenuti in questo periodo con un gruppo di eccellenti musicisti e con questo nutrito coro di voci maschili e femminili che confluiscono con lei e sotto la sua sapiente direzione nell'alveo di una avventura attraverso le tradizioni delle Moresche del XV e XVI secolo, segnatamente quelle create dal Maestro Orlando di Lasso. Maria Pia De Vito ha già trattato questa materia in diversi suoi lavori e con vari altri musicisti. Qui trova, in un periodo di grandi progetti e di altre recenti uscite discografiche di spessore, una grazia ed una bellezza di rara intensità, conducendo il canto dell'Ensemble Burnogualà ed accompagnata da appropriatissimi musicisti come l'amico Ralph Towner, Alessandro D'Alessandro magico bandoneonista o Arnaldo Vacca alle percussioni, antico suo compagno di avventure. Rievocando le moresche e le villanelle dell'epoca, ricordando la via maestra segnata a suo tempo da Roberto De Simone e dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, la De Vito fa rivivere una tradizione del canto popolare, attualizzandola laddove lei ed il coro si spingono verso sperimentazioni assai riuscite. Un progetto bello e pienamente riuscito, accolto con entusiasmo dal pubblico, laddove è possibile godere dello spettacolo sul palco. L'ennesima prova di maturità di una grande cantante ed artista.

Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner
Banner