Huby/Chevillon/Rabbia - Reminiscence PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Del Noce   
Domenica 22 Luglio 2018 00:00


Huby/Chevillon/Rabbia - Reminiscence

CAM Jazz - CAMJ 7929-2 - 2018

Régis Huby: violino, elettroniche live
Bruno Chevillon: contrabbasso, elettroniche live
Michele Rabbia: percussioni, elettroniche live

Insolite (e non del tutto ovvie) considerazioni progettuali per il presente trio, a considerare il marginale (e magari poco collocabile e scomodo) ruolo in jazz del violino, tuttora "marchiato" dalle appartenenze alla prassi classicista e orchestrale - tanto da far apparire poco determinante (sic!) il lavoro alacremente svolto da interpreti di varia fisionomia, da gran tempo archiviato il dato che nella costituzione delle primissime (quanto estemporanee e fortunose) jazz-band, certamente l'instrumentarium era tratto da bande ed orchestrine certamente comprendenti strumenti oggi "minoritari" o apparentemente marginali.
Il presente e paritario trio concede un certo grado di prima linea all'arte di sintesi del violinista Régis Huby, di formazione accademica ma anche di precoci intercambi stilistici, e nel collettivo si fa certamente tesoro dell'impressionante arco collaborativo posto a segno dai tre (dovremo limitarci ai più salienti Sclavis, Crispell, Battaglia, Aarset, Brahem) ma pur si perviene ad un caratteristico sound, relativamente orientato dallo strumento-guida (o più probabilmente tematico, stante la parità di ruoli).
Nel caso di questo il dettato classicista non appare linguisticamente pervasivo, quanto funzionale ad una certa temperanza espressiva (Huby è piuttosto avvicinabile a certi solisti d'arco semi-ortodossi alla Zbigniew Seifert, diremmo), ergendosi senza prevaricazione su una plastica e scambievole piattaforma, animata dalle dinamiche della percussione scultorea e d'invenzione istantanea di un concentrato Michele Rabbia, e dalla polpa ritmico-melodica dell'arioso e pulsante contrabbasso di Bruno Chevillon.
Raggiunti sul campo dal prezioso enigineer Stefano Amerio, che ne ha ottimizzato inflessioni e risonanze, i tre pervengono ad un'esposizione spettacolare d'ampio respiro e ad un interplay fertile e vivace, in cui l'elettroacustica solida e sobriamente "pétillante" del trio non mira all'esasperazione della forma né delle energie condivise, plasmando una musicalità leggibile senza cessioni nello spirito figurativo, complessivamente avventuroso ed emozionale.

Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner
Banner