Alessandro Bottacchiari Quartet - The Turning Point PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabio Ciminiera   
Martedì 07 Agosto 2018 00:00


Alessandro Bottacchiari Quartet - The Turning Point

Tosky Records - TSK025 - 2018

Alessandro Bottacchiari: tromba, flicorno
Antonio Vivenzio: pianoforte, Fender Rhodes
Marco Vaggi: contrabbasso
Tony Arco: batteria
ospiti:
Gabriele Comeglio: sassofono in Modern Song
Andrea Andreoli: trombone in Modern Song
Sergio Orlandi: tromba in Dear John


L'esordio come leader del trombettista Alessandro Bottacchiari si sviluppa su sette brani - cinque originali ai quali si aggiungono Dear John di Freddie Hubbard e una versione ritmicamente frizzante di My foolish heart - suonati in quartetto e pensati per mettere a confronto le tante anime che attraversano oggi il jazz. Un confronto tra tradizione e sguardi all'esterno dei confini del linguaggio, un confronto tra generazioni, tra i suoni acustici e le derive elettriche portate in questo caso dal Fender Rhodes di Antonio Vivenzio, tra il senso della forma e la necessità della scrittura e, dall'altra parte, la pulsione vitale dell'improvvisazione.
I quasi quarantadue minuti del lavoro rendono The Turning Point un disco senza fronzoli, capace di puntare diretto ai suoi obiettivi. Un mainstream moderno nel quale veicolare i diversi stimoli presenti nei brani: le rincorse fulminee tra Bottacchiari e Orlandi in Dear John si placano nella versione scanzonata di My foolish heart, ancora romantica ma sbarazzina e ricca di swing; la dimensione orchestrale del sestetto in Modern Song si specchia nella concezione asciutta del quartetto che, ad esempio, ritroviamo nell'apertura di Into the Airplane; le venature funky di Soulful e la dimensione più intima di brani come Sadness Times e The Turning Point offrono al quartetto il terreno per mettere in mostra la propria versatilità.
Alessandro Bottacchiari riesce a mettere a norma tutte queste spinte in un disco che preferisce puntare sulla solidità e sulla disposizione coerente dei vari elementi piuttosto che muovere alla ricerca di soluzioni inedite o innovative: lavoro suonato con buona convinzione e con la necessaria proprietà di linguaggio da tutti i protagonisti, The Turning Point rappresenta un valido punto di partenza per il percorso musicale del trombettista.

Segui Fabio Ciminiera su Twitter: @fabiociminiera
 
Banner
Banner
Banner
Banner