Enzo Zirilli's ZiroBop - Ten To Late! PDF Stampa E-mail
Scritto da Flavio Caprera   
Lunedì 03 Settembre 2018 00:00


Enzo Zirilli's ZiroBop - Ten To Late!

UR Records - 2018

Enzo Zirilli: batteria, percussioni
Rob Luft: chitarra
Alessandro Chiappetta: chitarra
Misha Mullov-Abbado: contrabbasso
Barbara Raimondi: voce


Disco fascinoso quest'ultimo lavoro degli ZiroBop, solido gruppo capitanato dal batterista Enzo Zirilli. Batteria, contrabbasso e due chitarre, sono gli strumenti che tengono in piedi una cattedrale di suoni costruita sugli intrecci delle due chitarre e sul brillante repertorio ritmico della batteria a cui si aggiunge il sostegno di un contrabbasso eclettico e monolitico nella guida. Anche la scelta del repertorio è variegata, particolare e completa nei suoi aspetti ritmici. Infatti il disco si apre con un accenno di cover di Ornette Coleman, Happy House, e prosegue con una composizione originale di Chiappetta, You and me. In entrambi i pezzi le due chitarre si scambiano i ruoli, alternano il solipsismo all'accompagnamento, in un gioco di intrecci che produce suoni e temi improvvisati. In Ten to Late! si trova di tutto, nel senso che esso riproduce i ricordi, le passioni e gli umori di Zirilli, e soprattutto i musicisti che ama e le loro composizioni. Ci si imbatte nel misterioso ed esotico Bhavani di Charlie Mariano, nel monkiano We see, oppure nella dolcissima e riuscita ballad Notte che se ne va di Pino Daniele. C'è anche la brillante Three views of a secret di Jaco Pastorius arricchita dall'apporto vocale di Barbara Raimondi e la boppata Dewey square di Charlie Parker. Spazio anche alle composizioni originali, come Some things are just to simple di Abbado e Synesthesia di Zirilli/Luft. Entrambi i pezzi sono carichi d'atmosfera e confermano la felice alchimia sonora realizzata tra le due chitarre e il basso e la batteria. La conclusione di questo disco felicemente avventuroso, piacevole e "leggero" nell'ascolto è affidata ad altre due cover di alto profilo: Young and fine di Joe Zawinul e la festosa Briguinha dos musicos malucos di Hermeto Pascoal.

Segui Flavio Caprera su Twitter: @flaviocaprera
 
Banner
Banner
Banner
Banner