Michael Formanek Elusion Quartet - Time like This PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Del Noce   
Lunedì 01 Ottobre 2018 00:00


Michael Formanek Elusion Quartet - Time like This

Intakt Records - CD 313 - 2018

Michael Formanek: contrabbasso
Tony Malaby: sax tenore, sax soprano
Kris Davis: pianoforte
Ches Smith: batteria, vibrafono, tanbou haitiano

Sembrano non difettare scrittura di ruolo e materia interpretativa nella nuova formula in quartetto a guida di Michael Formanek, che avvicenda le differenti line-up delle più recenti esperienze (Small Places ed il precedente The Rub And Spare Change, per ECM) affidando le responsabilità solistiche ad ulteriori quanto affermatissime voci: oltre al ruolo ibrido del batterista e vibrafonista Ches Smith, tali si confermano la giovane vedette del piano free Kris Davis ed il fuoriclasse del sax Tony Malaby, rilevandosi alterno protagonismo nel corso di tutte le misure dell'album, segnate dai passaggi di forza ed asprezza delle esternazioni d'ancia, avvicendate dalle carpenterie sghembe e dalle quadrature instabili del pianoforte oltre a certe sortite, con netta funzione tracciante, del vibrafono; non manca un'assunzione di pieno ruolo dalle plastiche corde basse del leader, virile voce di primo piano o controcanto del sassofono, quando non alonatura della mano sinistra alla tastiera o contro-timone del drumming d'ingegnose meccaniche, il tutto entro un soundscape di clima serotino e cromatismi bruniti.
Post-free (fatte salve le insufficienze e le approssimazioni di qualunque categorizzazione, quantunque orientativa) sembra esser l'etichetta che con maggior ampiezza sembra fungere da collettore di quell'avant-jazz mutaforma quale qui s'esplicita con grande esposizione inventiva nei cangianti quadri scenici dell'album.
Si invita senza riserve all'ascolto di tale opus a sensazione del grande solista e leader californiano, ennesima operazione vincente da parte dell'etichetta elvetica, che sta ultimamente arricchendo il proprio parterre con firme di gran levatura (tali i Don Byron, Nate Wooley o Ken Vandermark delle più recenti uscite), potendo insomma annoverare Time like this tra quelle grandi produzioni che ulteriormente conformano il futuro dei canoni della nuova forma libera.

Link correlato:
Sito web di Michael Formanek: www.amibotheringyou.com

Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner
Banner