Trondheim Voices + Asle Karstad - Rooms & Rituals PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Del Noce   
Martedì 13 Novembre 2018 00:00


Trondheim Voices + Asle Karstad - Rooms & Rituals

Grappa Musikkforlag - GRCD 4584 - 2018

Sissel Vera Pettersen: voce, direzione artistica
Tone Åse, Natali Abrahamsen Garner, Siri Gjære, Kari Eskild Havenstrøm, Anita Kaasbøl, Silje Karlsen Berg, Ingrid Lode, Mia Marlen, Live Maria Roggen, Torunn Sævik, Heidi Skjerve: voce, Maccatrols
con :
Asle Karstad: ingegneria sonora

Trondheim Voices è suggestivo progetto cyber-canoro che a partire dall'originaria Norvegia ha osservato dilagare il proprio credito, in primis in virtù dell'originale spettacolarità delle sue sortite e per l'apertura delle soluzioni repertoriali: graziate in live dal valore aggiunto di peculiari coreografie, interattive con la location ed effetti luminosi, le artiste riunite sotto il collettivo Trondheim Voices fruiscono di funzionali devices (denominati Maccatrols), opera degli ingegneri sonori Asle Karstad e Arnvind Lau Karstad, che in tempo reale implementano il carattere e la timbrica di ogni singola voce performante.
Ancora sotto la guida della "regista musicale" Sissel Vera Pettersen, d'originaria formazione musicale jazz ed evidentemente avant-garde, l'ensemble licenzia un programma ricco ed alterno per sviluppo, i cui estri forse non attingono alle più estreme espressioni dell'esplorazione del canto ma se ne attestano comunque ad uno status piuttosto avanzato, non potendosi certo tacciare di manieristico l'operato del collettivo, e rilevando grande appagamento d'ascolto per quanto (e come) in termini di sorpresa e carica inventiva non abbassi la guardia, nei termini generali dell'animazione di soundscape, intessuto tra variegate esternazioni vocali in interazione con elettroniche aeree e sferzanti.
Si risente nelle soluzioni vocali (anche) delle inflessioni semantiche dell'estremo Nord originario, ma lo spettro effettistico si palesa dilatato entro un ventaglio già apolide, l'istinto armonico generale dell'impianto non repelle affatto il dettato di monodie e polifonie dell'antichità, ma neanche latitano il gusto per la dissonanza e la quota di rischio nelle sortite solistiche, i cui slanci si ricombinano in alterna guisa entro il collettivo.
Rooms & Rituals è lavoro che non ha dalla sua soltanto l'elegante digipack (valore di pur relativa consolazione) ma primariamente l'impegno costruito sul campo, palesandosi la sua forza immaginativa come uno di quei (non troppo ricorrenti) casi in cui la creatività mostra di non aver dismesso le sue connessioni con la dimensione del sortilegio.

Link correlati:
Sito web: www.trondheimvoices.no/trondheim-voices-asle-karstad Video: vimeo.com/202418687 Pagina Open Spotify: open.spotify.com/album/467G0FD3ynC9PDioy55IID#_=_


Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner
Banner