Zadeno Trio - The Step Forward PDF Stampa E-mail
Scritto da Nicola Barin   
Sabato 29 Dicembre 2018 00:00


Zadeno Trio - The Step Forward

Emme Record Label - 2018

Claudio Jr De Rosa: sassofono soprano, sax tenore, clarinetto basso
Alessio Bruno: contrabbasso
Jacopo Zanette: batteria


Lo Zadeno Trio nasce nel 2014 ed ha già al suo attivo diversi riconoscimenti anche internazionali come il Leiden Jazz Award del 2015 e lo European Jazz Contest del 2017.
Dopo l'esordio con l'album "Holes in the Ground" nel 2016, sempre con l'etichetta Emme Record Label, ecco il nuovo progetto "Step Forward".
La proposta di un trio pianoless non è mai di semplice, da una parte c'è la mancanza di uno strumento armonico come il piano, in grado di creare sostegno agli altri strumenti, dall'altra l'assenza dello stesso permette una libertà maggiore dei musicisti. De Rosa, autore di cinque brani su dieci, è il motore pulsante di questo trio. Grande intonazione e sicuramente un fraseggio maturo, anche se le influenze del passato (Coltrane e Rollins) emergono. Take no Prisoners ha un tema semplice ed efficace, per un attimo la memoria corre al Sonny Rollins Trio at the Village Vanguard del 1958. Mr. Fangio ha uno stupendo attacco di batteria e sassofono lieve e veloce dotato di una magnifica spontaneità, si entra immediatamente nel brano senza accorgersene. In Joy, De Rosa si esibisce al clarinetto basso, timbro aperto e solare, poco grave, dimostra velocità nel fraseggio dando ampio spazio alle dinamiche piuttosto che alla timbrica.
Easy!, composto sempre da De Rosa, dopo una breve introduzione del sassofono, espone il tema veloce, con il giro di basso in evidenza. L'improvvisazione parte immediatamente, batteria e sax dialogano scambiandosi suggestioni vivaci. Il contrabbasso da metà brano parte con un walking bass funzionale all'improvvisazione degli altri componenti.
Is That you? è una breve traccia dalle atmosfere velate e confortevoli, basso e clarinetto procedono spesso all'unisono, il sassofonista pare voglia farci assaporare tutti i timbri e le tessiture del suo strumento.
Un trio convincente e solido dal quale ci aspettiamo ancora molto.

Segui Nicola Barin su Twitter: @ImpulseJazz
 
Banner
Banner
Banner
Banner