Kim Myhr - Pressing Clouds Passing Crowds PDF Stampa E-mail
Scritto da Aldo Del Noce   
Lunedì 11 Febbraio 2019 00:00


Kim Myhr - Pressing Clouds Passing Crowds

Hubro Music - Hubro CD/LP 2612 - 2018

Kim Myhr: chitarra a 12 corde
Caroline Bergvall: voce
Ingar Zach: percussioni
Quatuor Bozzini:
Clemens Merkel, Alissa Cheung, Stéphanie Bozzini, Isabelle Bozzini: archi

Appena apprezzato nel suo più recente lavoro il fertile e visionario compositore norvegese Kim Myhr, di questi non possiamo che rilevare la capacità di riconfigurare il proprio paesaggismo sonoro, rilasciando un nuovo album di ben differente impostazione formale, e di cui riuscirà saliente l'importante valenza spettacolare.
Condividendo almeno con il precedente You | Me le connotazioni da moto ondoso della concezione ritmica, questa viene piuttosto investita nel respiro e nell'andamento progressivo del lavoro, di tratto palesemente cameristico, le cui tessiture molto devono al tappeto sonoro imbastito dal quartetto d'archi Bozzini, formazione canadese dalla sobria e duttile timbrica, che per tenuta spettacolare si disvela non meno dotata né creativamente inferiore a certi quartetti avant-garde quali Balanescu o Arditti; l'autore e leader dismette (in apparenza) i propri investimenti sullo studio timbrico di chitarre e cordofoni per devolversi unicamente sulla chitarra a 12 corde con uno stile asciutto e luminoso, completando il sound con la sofisticata aura incarnata dalla vocalità fascinosa e magnetica di Caroline Bergvall, di pervasiva impronta sul lavoro, tratteggiato dalla discreta ma influente e immaginante linea percussiva, animata dagli estri del valente Ingar Zach.
Nei propri esiti il materiale si palesa di fascinosa strutturazione, fondata sulla calibrata combinazione degli interventi strumentali a sostegno dell'importante ruolo della voce, che ne autorizza una collocazione entro il più sofisticato songwriting di teatrante respiro (e ad esempio il mondo creativo di una Laurie Anderson non ne risulta molto distante); d'allure ieratica e carattere ipnogeno, il complessivo soundscape palesa il proprio stato debitorio con un certo mondo indie e determinate fasce dell'avanguardia di svolta, comunque guadagnando una forte credibilità in termini identitari, esplicitandosi nel suo complessivo bilancio con i tratti di metafisica ed animata installazione sonora.
Per il valore ed i tratti originali di tale musicalità, a questa verrà conferito un ulteriore continuum vitale, rilevando come la medesima formazione si riproporrà in una successiva esperienza discografica (l'annunciato Floating layer cake), stavolta per la leadership di Ingar Zach presso la di lui etichetta Sofa music; in termini d'arrangiamento e convincente combinazione di ruoli, il presente Pressing Clouds Passing Crowds consegue importante compimento formale e personale griffe di consistente dimensione lirica.

Link correlati:
Sito web: www.kimmyhr.com
Ascolto: open.spotify.com/album/4stfMwmnvCDUusJNutknfV

Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner
Banner