Mimmo Campanale - Thoughts In Progress PDF Stampa E-mail
Scritto da Flavio Caprera   
Giovedì 26 Dicembre 2019 00:00


Mimmo Campanale - Thoughts In Progress

GrooveMaster Edition - 2019


Mimmo Campanale: batteria
Fabrizio Bosso: tromba
Giuseppe Todisco: tromba, flicorno
Mike Rubini: sax alto, sax baritono
Mario Rosini: pianoforte, tastiere, voce
Domenico Cartago, Beppe Fortunato: pianoforte, tastiere
Nico Stufano, Pasquale Buongiovanni: chitarra
Gianluca Luisi: vibrafono
Paolo Romano, Luca Alemanno: contrabbasso
Savio Vurchio: voce
Carolina Bubbico: arrangiamento archi


Mimmo Campanale, batterista di grande esperienza e bravura, in Thoughts in progress si esprime da leader e compositore, profili che ne completano la sua figura di musicista a tutto tondo dedito non solo al jazz. Questo suo nuovo progetto contempla una formazione allargate che annovera le punte avanzate del jazz pugliese. La musica suonata esprime un jazz aggiornato, contemporaneo, con inflessioni che prevedono sortite nel campo del soul, della fusion di qualità, del funky e dell'elettronica. Già partendo dalla title track, con i suoi richiami sixty amplificati da soluzioni orchestrali, si riesce a percepire l'ampio raggio d'azione del pensiero creativo di Campanale che in un solo contesto varia più volte l'azione sonora introducendo prima un solo di sax e poi un break di chitarra, sempre in solo. Cambio di giro con il secondo brano, intitolato Ozone, e ci ritroviamo in piena atmosfera soul con Fabrizio Bosso che scava in profondità perlaceo e Rosini che agita le tastiere in tandem con Campanale. Non mancano ballad come la bluesy 1980, scritta da Campanale e interpretata con intensità da Cartago al pianoforte e Buongiovanni alla chitarra. Vurchio introduce e conduce con il canto una versione animista e modernista di Every time we say goodbye. Thoughts in progress prosegue nella direzione indicata dal leader. La strada non è priva di sorprese come nel rock digitale di Video Game e nel futuribile e sperimentale Afrorism. Giustamente un progetto fascinoso e interessante non può che non chiudersi con una Rebirth: è forse un cambio di marcia nella carriera di un bravo e avventuroso batterista?

Segui Flavio Caprera su Twitter: @flaviocaprera
 
Banner
Banner
Banner