Maciek Pysz - A View PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabio Ciminiera   
Domenica 26 Aprile 2020 00:00


Linda May Han Oh - Aventurine

Caligola Records - Caligola 2265 - 2019

Maciek Pysz: chitarra acustica, chitarra classica, chitarra elettrica, chitarra a 12 corde

Dodici sfaccettature di una istantanea musicale. Cellule melodiche, improvvisazioni, temi provenienti da colonne sonore: Maciek Pysz propone all'ascoltatore una serie di riflessioni attraverso le corde delle sue chitarre, un percorso intimo e riflessivo, costellato di composizioni pacate, liriche e accoglienti. Nelle dodici tracce suonate da Pysz ritroviamo anche un'attitudine visiva, sottolineata in primo luogo dal titolo del disco e di molti brani e rivelata dall'attenzione ai paesaggi e alle atmosfere dei luoghi in cui è stata pensata e registrata la musica presente nel disco (in particolare, la città di Trieste e lo studio di Stefano Amerio): un'attitudine sviluppata anche nei video realizzati dal chitarrista con la videomaker triestina Lisa Miniussi (come si può vedere nella clip dedicata a Coastline) e dagli scatti del fotografo Krystian Data che illustrano il disco. E infine anche il rapporto con il cinema: gli unici due brani non originali interpretati in A View sono, infatti, Sous le ciel de Paris, tema firmato da Hubert Giraud per il film omonimo, e il Love Theme composto da Andrea Morricone per Nuovo Cinema Paradiso.
Un lavoro in solo maturato attraverso gli anni ma realizzato sotto la spinta di circostanze favorevoli. Come rivela lo stesso chitarrista, l'idea di realizzare un disco per sola chitarra nasce ben prima della registrazione avvenuta nel 2017: la decisione di mettere in pratica il progetto è stata repentina ed ha condotto Pysz ad un lavoro capace di cogliere lo spirito del momento e di distillare nelle dodici tracce un concentrato unitario di sentimenti e di stati d'animo. Un materiale ancora "fresco": i brani non arrivano su disco dopo una riflessione o dopo aver sedimentato un'abitudine di esecuzioni all'interno dei vari passaggi e, in questo modo, l'esecuzione mantiene una spontaneità naturale, un senso di disvelamento che l'interprete può trasmettere all'ascoltatore.

Maciek Pysz confeziona così un lavoro dove prevale il senso melodico sulla tecnica e sul virtuosismo: A View è un vero e proprio racconto - emotivo o narrativo, a seconda dei casi - del momento in cui i brani sono stati pensati, scritti e suonati dal chitarrista e, allo stesso tempo, raccoglie le esperienze e gli incontri attraversati nel corso degli anni.

Segui Fabio Ciminiera su Twitter: @fabiociminiera
 
Banner
Banner
Banner