Francesco Caligiuri Orchestra - Arcaico Mare PDF Stampa E-mail
Scritto da Flavio Caprera   
Lunedì 21 Dicembre 2020 00:00


Francesco Caligiuri Orchestra - Arcaico Mare

Dodicilune Dischi - Ed449 - 2020


Francesco Caligiuri: sax baritono, sassofoni, clarinetto basso, flauti
Federica Perre, Angelo Castriota Scanderbeg: voci
Luigi Paese: tromba, flicorno
Paolo Bennardo: tromba
Giuseppe Oliveto: trombone, conchiglie
Gianluca Bennardo: trombone
Mario Gallo: tuba
Giuseppe Santelli: pianoforte
Carlo Cimino: contrabbasso
Francesco Montebello: batteria

Francesco Caligiuri continua a stupirci con il suo jazz ricco di colori ed influenze. Dopo il suo il disco in quintetto intitolato Renaissance, si presenta sulla scena discografica con il corposo e variegato Arcaico Mare realizzato assieme all'orchestra. Il colto musicista calabrese, polistrumentista e compositore, sembra aver trovato la "giusta via": un jazz brillante, gioioso, melodico, che usa il folk come collante per conciliare tradizione e avanguardia. E ci sta riuscendo molto bene. Uomo del Mediterraneo - per natura, ha una cultura che è il risultato di un crocevia di genti e suoni - come tale "sfrutta" questa sua appartenenza per incrociare suoni e musicisti così da dare un aspetto "diverso" e meridiano a pezzi impegnativi come Self Portrait in Three Colours di Charles Mingus, oppure a collettivizzare gli arrangiamenti di classici come Fly Me To The Moon, Nature Boy e Nostalgia in Time Square. In questa sua sintesi di culture musicali entrano di diritto composizioni come Voluspà, dal respiro gramsciano e popolare, Carols of the Bells e God Rest Ye Merry Gentleman. Poi c'è la "sua" Rupella Antica che diviene manifesto del disco stesso, pensiero e azione di un modo di concepire il jazz personale ed originale in alcuni aspetti semantici e contenutistici – forte componente etnica e sensibilità musicale -. Arcaico Mare è un disco di valore, arrangiato con grazia e competenza, che da nuova veste anche a brani fortemente personalizzati come La follia di George Russell e Roccellanea del duo Damiani/Trovesi. Felice sorpresa del 2020, Arcaico Mare ci racconta che a Sud le "officine musicali" sperimentano con successo nuove strade che portano al jazz, magari provenienti anche dal mare e dall'immaginazione di un musicista che si spera continui ad essere se stesso nella sua costante crescita artistica. Consigliato!  

Segui Flavio Caprera su Twitter: @flaviocaprera
 
Banner
Banner
Banner