Ada Montellanico - WeTuba PDF Stampa E-mail
Scritto da Flavio Caprera   
Giovedì 09 Dicembre 2021 00:00


Ada Montellanico - WeTuba

Incipit Records - 2021


Ada Montellanico: voce
Michel Godard: tuba, serpentone
Paolo Fresu: tromba, flicorno, effetti
Simone Graziano: pianoforte, Fender Rhodes
Francesco Ponticelli: contrabbasso
Bernardo Guerra: batteria


Ada Montellanico regala sempre momenti di grande musica. In Wetuba la ascoltiamo dialogare con la tuba di Michel Godard, un confronto continuo tra tonalità ed espressività, impennate sonore e corse senza rete, sostenuti da una sezione ritmica di alto profilo e tenuta ritmica. Nove composizioni originali che accumunate da testi efficaci, profondi e impegnati rendono il disco uno dei migliori e riusciti del 2021. The Time Will Come lo apre con un duetto scat tra voce e tuba supportate da annotazioni blues di pianoforte. A questo segue Words, che come un canto di passione e sofferenza, dove la voce di Montellanico va dritta al cuore delle anime e delle cose, vive del contrasto con la tuba di Godard e prepara il terreno ai suoi Heroes, musicisti, intellettuali, scienziati, "guerrieri" di pace e libertà. Qui Graziano alle tastiere è formidabile, perché crea un climax a metà strada tra un inno e una preghiera. A Trace Of Grace potrebbe essere l'hit del disco, un brano intenso, poetico, intimista e di perlacea bellezza. Wetuba è un disco "impegnato", nel senso che è fortemente radicato al presente con una intrinseca componente utopica e progressista. I'm a Migrant è un canto e un grido, con la tromba di Fresu che lacera il cielo con la sua luce tagliente e brillante. Poi c'è Go Deep, una travolgente e libera discesa tra percorsi free e tornanti melodici con al centro le percussioni cardiache di Bernardo Guerra e le arterie rigonfie di Godard. Sorriso da luce e speranza attraverso un dialogo a tre con pianoforte e tromba. Montellanico eleva gli animi modulando la sua voce su sonorità dolci ed evocative. BallAda, chiude nel giusto verso un disco da consigliare assolutamente!

Segui Flavio Caprera su Twitter: @flaviocaprera
 
Banner
Banner
Banner