Sophia Tomelleri - These things you left me PDF Stampa E-mail
Scritto da Fabio Ciminiera   
Venerdì 04 Febbraio 2022 00:00


Sophia Tomelleri - These things you left me

Emme Record Label - ERL 2106 - 2021

Sophia Tomelleri: sax tenore
Simone Daclon: pianoforte
Alex Orciari: contrabbasso
Pasquale Fiore: batteria

"These things you left me" contiene nove brani pensati per far convergere in maniera naturale e spontanea le tradizioni e i nuovi linguaggi del jazz. Nei nove brani del disco, Sophia Tomelleri guida un quartetto dalla line up classica, un quartetto ben assortito per quanto riguarda energia ed esperienza capace di affrontare con freschezza il repertorio e le linee espressive tracciate dalla sassofonista: un quartetto agile nelle diverse situazioni ritmiche ed equilibrato nel confronto con i vari riferimenti portati nel lavoro.
Lo stesso titolo del disco mette in evidenza il rapporto con la necessità di prendere le mosse dalle esperienze dei musicisti del passato per farle poi evolvere nel proprio linguaggio. Una strada che Sophia Tomelleri segue sia in senso generale - These things you left me, il brano che da il titolo al disco è l'unico tema ripreso da un altro autore, vale a dire Sidney Lippman - che nel proprio percorso personale e familiare - il sassofonista Paolo Tomelleri è suo nonno - e sviluppa all'interno di composizioni originali dirette verso le diverse tendenze del jazz. Il filo musicale passa attraverso i ritmi incalzanti e metropolitani di Swallows, brano d'apertura del disco, e la dimensione riflessiva di Ballad for G e si innerva poi della rilettura personale di atmosfere più vicine alle tradizioni più consolidate, come avviene ad esempio in Fuori da Novara, brano firmato dal pianista Simone Daclon, oppure in Jo Jo, Takeaways o Sound Sleeper, per dare corpo così ad un repertorio esposto in maniera essenziale nelle sue varie direzioni, alternando piglio, curiosità e lirismo.
"These things you left me", infine, è il disco che celebra la vittoria di Sophia Tomelleri nell'edizione 2020 del Premio Internazionale Massimo Urbani.

Segui Jazz Convention su Twitter: @jazzconvention
 
Banner
Banner
Banner